La vostra guida turistica di Roma: monumenti, musei, tradizioni, cartine di Roma, hotels, e tanto altro ancora.
Rome Guide
Rome Guide - Italiano
» Rome Guide · Itinerari · La gloria dell'Impero «
Rome Guide - English

Cerca hotel

Data check-in

Data check-out


Monumenti  
Musei  

Itinerari  

Immagini Roma  
Tour Virtuale  





Visita il Blog di Rome Guide
Rome Guide Blog
Guida Turistica città di Firenze
Guida di Firenze
Aggiungi Hotel Roma

1. Terrazza del Campidoglio
2. Foro Romano - SS. Cosma e Damiano - Basilica di Massenzio
3. Colosseo · 4. Domus Aurea · 5. Mercati Traianei · 6. Colonna Traiana

Il percorso, vero e proprio tuffo nella Roma dei Cesari, di notevole interesse archeologico per le imponenti rovine, testimonianza della potenza di Roma caput mundi e della vastità dell'Impero, richiede almeno una giornata. È possibile acquistare la tessera archeologica di validità una settimana che permette la visita anche al mausoleo di Cecilia Metella e alle Terme di Caracalla oltre a quattro sezioni del Museo Nazionale Romano e alla Villa dei Quintili. Per le visite ad alcuni complessi della zona archeologica esistono anche altre forme, come il biglietto giornaliero d'ingresso cumulativo al Colosseo e al Museo Palatino.
L'itinerario inizia sulla terrazza panoramica di via del Campidoglio sita sul fianco destro del Palazzo Senatorio e termina a Piazza Venezia.

Mezzi pubblici per e da Piazza Venezia: autobus 30 ,62, 63, 64, 70 , 87, 186, 492, 628, 810, 916.
Mezzi pubblici per e da Campidoglio: autobus 63,81, 95, 170, 628, 715, 716, 780


FORO ROMANO
Via dei Fori Imperiali
Orari: ore 9.00 - 1ora prima del tramonto
Ingresso: gratuito
Tel: 063997700

Dal colle capitolino, dopo aver abbracciato con lo sguardo l'intera area archeologica, si discende la via del Campidoglio e si accede alla via del Foro Romano che costeggia il recinto del Foro, sino a portarsi alla via dei Fori Imperiali dove si trova l'ingresso alle rovine.
Il Foro Romano ha un'estensione di circa mezzo chilometro in direzione nordovest-sudest ed è delimitato dai colli Capitolino e Palatino, dai Fori Imperiali e dal grande spiazzo dove sorge il Colosseo. Molto danneggiato dalle invasioni barbariche, gli scavi per riportarlo alla luce iniziarono nel 1700.
Oltrepassato l'ingresso, sulla destra, si trova la Basilica Emilia , le cui fondamenta risalgono al 179 a.C. Era un centro di affari, un luogo di ritrovo e serviva alle sedute dei tribunali. Ne restano il pavimento in marmi colorati, i basamenti delle colonne e frammenti della trabeazione.
Curia: era la sede del Senato e venne fondata da re Tullo Ostilio. L'attuale edificio, in mattoni, risale al rifacimento di Diocleziano (303 d.C.). L'interno è costituito da un'aula rettangolare pavimentata con marmi policromi.
Tomba di Romolo: una lastra quadrata di marmo nero lapis niger, sta ad indicare il luogo dove gli antichi ritenevano fosse stato seppellito Romolo. A lato, un cippo con iscrizione funeraria del VI sec. a.C., rappresenta il più antico documento in lingua latina a noi pervenuto.
Arco di Settimio Severo: si erge davanti al visitatore in fondo alla Sacra Via. È a tre fornici, alto 23 metri e largo 25. Fu innalzato per celebrare le vittorie militari dell'Imperatore e dei figli Caracalla e Geta.
Davanti all'Arco, si trovano i Rostri, tradizionale tribuna degli oratori.
Piazza del Foro: di fronte ai Rostri, lastricata in travertino, ospita la colonna Foca ultimo monumento del Foro eretta in onore dell'imperatore d'Oriente Foca.
Tempio di Saturno: costruito nel V secolo a.C., le 8 colonne ioniche superstiti appartengono a un rifacimento del III secolo d. C.
Basilica Giulia: si trova di fronte alla Basilica Emilia. Voluta da Giulio Cesare e completata da Augusto e ricostruita da Diocleziano nel 284 d.C. Era sede di tribunali e luogo di riunione dei Centumviri.

CHIESA dei SS. COSMA E DAMIANO
Costruita nel VI sec., entro il cosiddetto Templum Sacrae Urbis del Foro Romano e rinnovata nel XVII sec., ha per vestibolo il tempio del Divo Romolo, figlio di Massenzio, nel quale è ora collocato un grande presepio napoletano settecentesco. A pianta circolare, conserva l'originaria porta in bronzo.
Pregevole è il soffitto del 1632 e bellissimi sono i mosaici dell'abside risalenti al VI secolo.
Si esce dal recino del Foro Romano e ci si riporta in Via dei Fori Imperali.

VIA DEI FORI IMPERIALI
Collega Piazza Venezia con il Colosseo snodandosi tra il Foro Romano i Fori Imperiali, davanti a ciascuno dei quali è la statua dell'imperatore che lo costruì.

FORI IMPERIALI
Via dei Fori Imperiali
Orari: ore 9.00 - 1ora prima del tramonto
Ingresso: gratuito eccetto alcuni monumenti specificati singolarmente
Tel: 063997700

Negli ultimi anni della Repubblica, allorché il Foro Romano si rivelò insufficiente per l'eccessiva inurbazione seguita alla proclamazione di Roma capitale del mondo antico, nacquero nella zona a nord del Foro Romano, sul lato destro della via dei Fori Imperiali, altri centri di vita pubblica denominati, nel loro complesso, Fori Imperiali. Ognuno vantava una grande piazza circondata da portici con al centro un tempio o una basilica edificata per immortalare le gesta dell'imperatore che l'aveva fatto costruire. Gli scavi per riportare alla luce questo complesso monumentale, devastato nel Medio Evo e poi sepolto dalla terra, iniziarono nel 1924.

Foro Giulio o di Cesare
Eretto per celebrare la vittoria di Farsaglia e inaugurato nel 44 a.C. fu il primo in ordine cronologico. Sono visibili: tre colonne corinzie appartenute al tempio di Venere Genitrice innalzato come segno di ringraziamento alla dea da Giulio Cesare nel 46 a.C.. Ricostruito nel 113 d.C. dall'imperatore Traiano sono tuttora visibili le rovine di un portico del tardo Impero e i resti della basilica Argentaria, aggiunta da Traiano, luogo abituale di riunioni per banchieri e cambiavalute.
La statua in bronzo di Giulio Cesare è una copia dell'originale che si trova nel Museo Capitolino.

BASILICA DI MASSENZIO
L'imperatore non riuscì a vedere ultimata la Basilica della quale aveva gettato le fondamenta nel 307 d. C. Sconfitto infatti da Costantino nel 312 nella famosa battaglia di Ponte Milvio, annegò nel Tevere mentre tentava la fuga e fu proprio Costantino ad ultimare i lavori dell'edificio, uno dei più grandiosi e imponenti dell'antica Roma. Costruito in laterizi e calcestruzzo sul lato nord-orientale del Foro Romano, l'edificio che occupa in parte l'area del vestibolo della Domus Aurea neroniana, ha forma rettangolare e dimensioni di 100 x 76 metri all'esterno ( 80x60metri all'interno) ed è diviso da quattro enormi pilastri in tre navate. La navata centrale era coperta da volte a crociera, quelle laterali da volte a botte. Rimangono le tre volte a cassettoni della navata destra.
Costantino fece apportare alcune modifiche al progetto originale che aveva la facciata verso il Colosseo. Fece aprire infatti un ingresso verso il Foro Romano e aggiunse, sul lato opposto, una profonda abside a nicchie, creando pertanto un nuovo prospetto architettonico, perpendicolare al primo. Nell'abside della navata centrale fu collocata una gigantesca statua di Costantino, alcuni frammenti della quale, rinvenuti nel XV sec., si trovano ora ai Musei Capitolini.
La Basilica subì gravi saccheggi durante le invasioni barbariche. Nel 626 papa Onorio la privò delle lastre di bronzo dorato che ne rivestivano il tetto e in seguito divenne una cava di materiale edilizio. Delle otto gigantesche colonne ne rimane intatta una sola che si trova in piazza S. Maria Maggiore, trasformata in piedistallo per la statua della Madonna con Bambino. È di marmo, presenta delle scanalature ed è alta poco più di 14 metri.
Gli uomini e la natura continuarono ad accanirsi contro la Basilica che nel terremoto del 1349 subì anche il crollo della navata centrale. Solo nel Rinascimento artisti come Raffaello e Michelangelo cominciarono a magnificarne le linee pure e maestose e le distruzioni cessarono.

COLOSSEO
Piazza del Colosseo
Orari: 9.00 - 1 ora prima del tramonto; chiusure: 25 dic, 1 gen.
Ingresso: a pagamento. La biglietteria chiude un'ora prima dell'ultimo orario di ingresso
Tel: 06 39967700
Il prezzo del biglietto comprende anche la visita al Museo Palatino

Quando cadrà il Colosseo cadrà anche Roma, ma quando cadrà Roma finirà anche il mondo...

La celebre profezia del monaco inglese riflette tutta l'ammirazione del mondo medioevale per quello che ancor oggi è considerato il simbolo dell'Impero Romano.
L'Anfiteatro Flavio (il nome Colosseo è di epoca barbarica) iniziato da Vespasiano nel 72 d.C., inaugurato da Tito nell'80 e rifinito da Domiziano qualche anno più tardi, è alto 57 metri e ha forma ellittica con l'asse maggiore di 188 metri e quello minore di 156. I suoi 76 ingressi consentivano l'ingresso o l'uscita di oltre 5000 persone al minuto. Potendo contenere sino a 50000 spettatori, in caso di necessità poteva essere sgombrato in una decina di minuti. La struttura portante in calcestruzzo e laterizi, era rivestita di travertino all'esterno e di marmo all'interno. L'edificio presenta tre piani di arcate che poggiano su pilastri decorati da semicolonne di ordine, procedendo dal basso verso l'alto, dorico, ionico, corinzio. Un muro pieno, ornato da lesene corinzie e alleggerito da finestre, sovrasta le arcate ed è a sua vota sovrastato da un cornicione terminale nei cui fori venivano infilati i pilastri che sostenevano il velario, serie di teli destinati a proteggere gli spettatori dal sole. Le gradinate della cavea erano suddivise in tre ranghi principali: il podium che conteneva anche il palco imperiale, destinato ai cavalieri., l'ordine di mezzo destinato ai cittadini romani e in posizione più elevata la summa, destinata al popolo.
I combattimenti di gladiatori furono aboliti nel 404, ma gli spettacoli con animali feroci continuarono sino alla metà del VI secolo.
Danneggiato dai terremoti (1231,1255,1349) e considerato per quattro secoli cava di materiale edile per la costruzione di fortificazioni, chiese e palazzi, fu salvato da papa Benedetto XIV quando nel 1750 lo dichiarò "luogo santo per il sangue ivi versato dai Martiri Cristiani".

ARCO DI COSTANTINO
Venne eretto nel 312 dal Senato Romano per celebrare la vittoria di Costantino su Massenzio a Ponte Milvio. A tre fornici, parte dei fregi a bassorilievo che lo decorano vennero tolti da monumenti preesistenti e raccontano le gesta di Traiano, Adriano, Marco Aurelio. Di particolare interesse è il bassorilievo che si trova in alto sulla parete rivolta al Colosseo e rappresenta le battaglie di Marco Aurelio contro i Daci. I rilievi eseguiti espressamente per il monumento denotano una caduta del senso plastico rispetto al periodo classico.

DOMUS AUREA
Via della Domus Aurea
Giardini di Colle Oppio
Orari: ore: 9.00 - 19.45
Ingresso a pagamento (prenotazione obbligatoria)
Tel: 0639967700
Si trova sul colle Oppio, una delle tre cime dell'Esquilino e ha l'ingresso in via Labicana. Fatta costruire come villa imperiale da Nerone dopo il grande incendio del 64, rimase incompiuta alla di lui morte. Sul colle Oppio si conserva la parte del palazzo che fu sotterrata durante la costruzione delle terme di Traiano. Aveva un fronte di 300 metri lungo il quale correva un triplice portico di colonne marmoree. Una cupola copre la grande sala ottagonale, visitabile.
Le pitture sulle volte e alle pareti furono ammirate e copiate nel Rinascimento (grottesche).

Foro Di Augusto
Fu costruito a ricordo della battaglia di Filippi (42 a. C.) e dedicato a Marte Ultore. È chiuso sul fondo da un muro di cinta a bugnato sul quale poggia il Tempio di Marte Ultore del quale restano tre colonne trabeate. Ai lati si trovano i resti di due portici con esedra.

MERCATI TRAIANEI E FORO DI TRAIANO
Mercati Traianei
Via 4 Novembre, 94
Orari: 9.00 - 1 ora prima del tramonto
Ingresso: a pagamento
Tel: 06 6790048

Grandioso complesso di costruzioni annesse al Foro di Traiano, ideato per sostenere il colle del Quirinale che minacciava di franare dopo il taglio a sella subito per aprirvi e il Foro, è opera di Apollodoro di Damasco.
La fronte, che si curva in una vasta esedra (emiciclo) fiancheggiata da due minori, è composta da due piani di botteghe, sovrastate da un terzo piano preceduto da terrazza. Dietro l'esedra superiore corre la via Biberatica sempre fiancheggiata da botteghe. Essa conduce alla Grande Aula coperta, di forma rettangolare a due piani anch'essi occupati da botteghe, probabilmente sala di borsa. I mercati sono un grande centro commerciale, unico esempio noto nell' architettura pubblica dell'antichità. Al piano terreno dell'emiciclo, il visitatore può apprezzare alcune botteghe parzialmente ricostruite.

Foro di Traiano
Vi si accede dai Mercati Traianei attraverso un sottopassaggio. Del grandioso complesso che vantava biblioteche templi e basilche, sono arrivati sino a noi la parte centrale della basilica Ulpia, con le quattro file di colonne rialzate e la Colonna Traiana. Nell zona archeologica si trova anche il Museo Palatino.

Colonna Traiana
Alta circa 40 metri è composta da blocchi di marmo sui quali corre un fregio a spirale che ne fa un importante documento dei costumi dell'epoca. Eretta nel 113 a celebrazione della vittoria sui Daci essa mostra infatti nei bassorilievi che la percorrono tutta non solo scene relative alla sottomissione dei "barbari" ma anche lavori agricoli, operazioni di carico e scarico insomma scorci di vita cittadina.

Museo Palatino
Piazza di S. Maria Nova, 53
Via S. Gregorio, 30
Orari: 9.00 - 1 ora primsa del tramonto; chiusure: 25 dic, 1 gen.
Ingresso: a pagamento. La biglietteria chiude un'ora prima dell'ultimo orario di ingresso
Tel: 06 39967700
Il prezzo del biglietto comprende anche la visita al Colosseo

Il museo espone sculture, affreschi staccati e reperti di età arcaica che raccontano la storia di Roma dalle origini all'età imperiale. Vi si trovano materiale dell'età del ferro e del periodo repubblicano, affreschi staccati e tarsie provenienti dalla "Domus Transitoria", la residenza di Nerone distrutta dal grande incendio del 64 e sostituita dalla Domus Aurea, statue dell'età imperiale di Augusto, Adriano e Antonio, un frammento del "Doriforo" di Policleto e le splendide terrecotte architettoniche provenienti dagli edifici augustei.

Aggiungi Hotel Roma

Prenotazione Musei




Meteo Roma
Roma
Lun

24°C
Mar

23°C
Mer

23°C
Tutti i testi e le immagini di questo sito sono protette da copyright © rome-guide.it e rispettivi proprietari.
Ne è vietato l'uso, copia e redistribuzione non autorizzate per iscritto. - powered by: sestante.net